Stacks Image 113
Troppa luce può far male?
Gli edifici moderni presentano spesso ampie superfici vetrate e se questo contribuisce alla bellezza estetica dell'opera spesso introduce una problematica spesso sottovalutata: l'eccessiva illuminazione degli ambienti di lavoro. I valori d'illuminamento negli uffici (espressi in lux) possono variare tra i 200 e i 1.000 lux in funzione della loro destinazione d'uso, i valori d'illuminazione provenienti da una finestra possono arrivare a 10.000 lux.
Il computer presente sulla scrivania, sovente accanto ad una finestra, è parte integrante dell’equipaggiamento standard di un moderno ufficio. Se l’utilizzatore è seduto dietro alla finestra la superficie vitrea si riflette nello schermo, se è seduto di fronte i suoi occhi subiscono un’affaticamento estremo in ragione del forte contrasto esistente tra lo schermo e la finestra, se infine lo schermo è situato tra due finestre i problemi generalmente si sommano. Un basso tenore di contrasto dello schermo del computer provoca un’affaticamento ed uno sforzo visivo dell’occhio eccessivo con il rischio di provocare a lungo andare l’insorgenza di malattie della vista dovuti principalmente a fatica accomodativa, fatica muscolare, fatica percettiva, irritazione oculare generati principalmente da problemi di eccessivo abbagliamento. Ricordiamo che l'abbagliamento è un fenomeno causato dall'eccessiva luminanza di alcuni oggetti presenti nel campo visivo; oltre alle finestre occorre considerare anche l'abbagliamento indiretto come le superfici lucide o molto chiare quando queste vengono colpite dalla luce solare. Le pellicole per vetri 3M a controllo solare possono ridurre fino al 70% i valori di abbagliamento causati dalla presenza di finestre ristabilendo i corretti valori consigliati negli ambienti di lavoro.
Indietro